Athenagora Grappini & Manarini Elettrici

Sezione: 

 

manriniAthenagora Grappini & Manarini Elettrici

(Ramo cadetto del Regno di Candirambia)

ultimi superstiti del Teatro dell'Arte

ROSSELLA COMINELLI chitarra e voce

TRINO TIRALE bass guitar

PIER PADERNI chitarra e voce

MARCO DAMIANI chitarra e voce

estemporanei, molto estemporanei....  

"In un mattino di primavera Buddy l'esecutore stava svolazzando tra i fiori inebriato dai mille profumi e condivideva la splendida giornata con i grandi calabroni, calabroni medi e le più piccole api. Pur con la fida mannaia infilata nella cintura riusciva comunque a reggersi in volo senza alcuna fatica compiendo perfino qualche acrobazia come il "cavatappi orizzontale" per poi cimentarsi nel complicatissimo "ballo del moscerino". Mentre così faceva, le sue ali riflettevano il sole creando giochi argentei di luce in una fantasia psichedelica; nel contempo modulava il ritmo frusciante dello sbattito d'ali traendo da esse un ritmo molto simile a quello di un batterista che rulla le spazzole sul rullante, sopra questo ritmo soffiando in un fiore a tromba intonava perfettamente "la cavalcata delle walkirie di Wagner". Un contingente di api appartenente al glorioso "sciame castagna" raccoltosi attorno a lui lanciava  gli oooh oooh e occhiate di ammirazione mentre sua eccellenza ora si esibiva "nel giro della morte" saettando nel cielo terso, con il bel costumino rosso allacciato in vita e tanto di capuccio nero classico. Giunto a terra tra gli steli dell'erba menta si trovò a discutere animatamente con un calabrone maggiore e due medi e una farfalla cavolaia le sue ultime evoluzioni e spiegava agli uni e all'altra come svolgere correttamente le torsioni in volo e la corretta intonazione musicale.  Alla discussione parteciparono anche tutte le api dello sciame castagna le quali sul finire offrirono a tutti i convenuti  una libagione di gruppo a base di miele e rugiada  brindando al grido di "vento e sole, vento e sole hurra hurra hurra !" Terminato quel meeting, Buddy se ne andò svolazzando a bassa quota mentre non perdeva  l'occasione per annotare nel suo taquino il debrief di quei fatti appena accaduti usando la lingua CALABRO' .” (Candirambia- Agarbatti, ex libris - frammento K 312) - © Candirambia Productions

"A volte si poteva trovare Buddy l'esecutore cogitabondo che girava in ispezione gli interminabili corridoi del palazzo della Candy. Buddy, che era un principe Candirambiano, godeva del rispetto assoluto in tutto il palazzo . Poteva girare ovunque volesse ; vestito del suo prezioso costume cremisi e nero con il fedele cappuccio  a cappe e l'inseparabile  ascia (oops ..era una mannaia ,guai chiamarla ascia davanti a lui ) strascicata dietro di se. A volte questi suoi momenti duravano 1 o 2 anni interi del tempo di Candirambia . I suoi passi e le scarpette di velluto scivolavano sui marmi lucidi del pavimento  come se stesse quasi volando swishhh swash , swish swash alternati da un dling dleng dell'acciaio temprato della sua mannaia che strisciava sul pavimento dietro di se, attorno il silenzio piu' totale.  Buddy aveva segretamente avuto una storia con una principessa candirambiana e per di piu' di sangue reale e covava in cuore suo uno struggente amore per ella, senza pero' ricordarsi chi fosse. Si diceva che il ricordo di tale suo amore fosse stato sepolto da Buddy stesso, da qualche parte nei giardini appena fuori da palazzo e che Buddy, durante queste sue tenebrose passeggiate, cercasse di farsi venire in mente dove mai lo avesse sepolto, per potersene infine riappropriare. In 400 anni era  riuscito a ricordarsi che il luogo era nei giardini vecchi , nell'ala est del palazzo, ma nient'altro . In quei momenti meditabondi nessuno si sarebbe sognato di rivolgergli la parola e nessuno avrebbe mai nemmeno osato distoglierlo dai suoi pensieri. Una volta , uno dei cuochi di palazzo racconto' di aver assistito ad un episodio assai eloquente e di aver visto che in uno di questi suoi giri , una  piuma d'oca vagante nell'aria era venuta  casulamente a svolazzare davanti agli occhi di Buddy l'esecutore  infastidendolo ; in un attimo la mannaia era scattata dividendo la piuma in 2 metà esattamente uguali." (Candirambia- Agarbatti, ex libris - frammento U 26, scritto ritrovato ai piedi del Monte Isola) - © Candirambia Productions  


Atenagora Grappini - There and everywhere
Atenagora Grappini - A come Agarbatti... l'incipit
Atenagora Grappini - Sgt. Pepper's
Atenagora Grappini - Teatro S. Gerolamo, Milano
Atenagora Grappini - Sgt. Pepper's
Atenagora Grappini - Teatro S. Gerolamo, Milano
Atenagora Grappini - Teatro S. Gerolamo, Milano
Atenagora Grappini - Teatro S. Gerolamo, Milano
Atenagora Grappini - Teatro S. Gerolamo, Milano
Atenagora Grappini - Where the streets have no names
Atenagora Grappini - Milano, Galleria V. Emanuele
Atenagora Grappini - Where the streets have no names
Atenagora Grappini - Paradise Club, Brescia
Atenagora Grappini - Teatro Borsa, Novara
Atenagora Grappini - Evolution
Atenagora Grappini -  Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini -  Lost in Monte Isola
Atenagora Grappini - Duettando
Atenagora Grappini - Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - due...al S. Girolamo -Milano
Atenagora Grappini - by Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - by Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - by Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - by Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - by Marchese Marco da Colle Isarco
Atenagora Grappini - by Marchese Marco da Colle Isarco